lunedì 30 novembre 2015

E' troppo presto per pensare al Natale?

TOVAGLIA EFFETTO PIZZO & RAMO DECORATIVO
Neanche siamo a Dicembre e ovunque è Natale.

Per quanto precoce devo ammettere che non mi disturba tutta questa atmosfera di festa che si respira in questo periodo dell'anno.

Sicuramente il significato del Natale passa in secondo piano e prevale l'aspetto più commerciale e festaiolo.

Ma a me piace comunque!

Mi piace entrare in negozi  stracolmi di addobbi per tutti i gusti, 

Mi piace scegliere ogni anno come personalizzare i miei pacchi,


lunedì 23 novembre 2015

Biscotti Anice & Cannella


"Ogni persona che passa nella vostra vita è unica.
Sempre lascia un po' di sé e si porta via un po' di noi.
Ci sarà chi si è portato via molto,
ma non ci sarà mai chi non ha lasciato nulla.
Questa è la più grande responsabilità della nostra vita
e la prova evidente che due anime non si incontrano per caso."

Jorge Luis Borges

Non ho mai amato le tradizioni.

A parte il pranzo di Natale non credo di rispettarne molte, per lo meno non quelle condivise da tutti.

Ma ce n'è una a cui tengo tantissimo, che non ha una data prestabilita, ma viene decisa di anno in anno a seconda della disponibilità dei partecipanti.

Una tradizione nata da un'amicizia e rispettata proprio in nome di questa amicizia.

La chiamiamo la cena delle acciughe, ma in realtà lo scopo è quello di preparare il calendario dell'avvento per le bambine.

Il calendario deve essere fatto a mano e in ogni casellina viene riposto un indovinello.

Ovviamente ad ogni indovinello corrisponde un piccolo pensiero per le bimbe.

La tradizione prevede una cena a base di cibi elaborati e rigorosamente iper calorici, quantità abbondanti di vino corposo e innumerevoli biscotti speziati (per creare un po' di atmosfera natalizia).

Il vino è necessario per stimolare la creatività, e anche se a volte il risultato non è all'altezza delle aspettative le piccole sembrano apprezzare comunque.

Probabilmente ci divertiamo più noi a preparare che le bambine nella loro caccia al tesoro, ma in fondo è proprio questa la forza dell'amicizia.

lunedì 9 novembre 2015

Tortine margherita


Lo so, i luoghi comuni sulle stagioni sono scontati e spesso infondati, ma non posso fare a meno di condividere con voi la mia felicità per queste assolate giornate novembrine.

Non un sole pallido e stanco che regala i suoi ultimi raggi prima di ritirarsi per un lungo riposo invernale, qui si parla di un sole potente, che scalda e abbronza!

Passeggiare strisciando i piedi tra le foglie cadute con il sole che le colora di mille sfumature e lasciarsi scaldare su una panchina ascoltando musica a tutto volume.

Se potessi fermare il tempo lo farei adesso. 

Non per sempre, giusto il tempo per riposare e fare il pieno di energie. 

Voi vi siete mai chiesti dove vorreste andare o ritornare se esistesse la macchina del tempo?

Io non voglio tornare nel passato, i rimpianti li lascio là dove sono rimasti e non voglio scoprire in anticipo le sorprese, belle o brutte che siano, che il futuro mi riserverà.

Io vorrei  tornare su questa panchina
Vorrei questo sole caldo. 
Vorrei calpestare il tappeto di foglie multicolori che ricopre il sentiero. 
Vorrei questi alberi che con cadenza regolare lasciano cadere le loro foglie.
Vorrei queste foglie che si staccano dai rami e sembrano scendere al ritmo della musica che sto ascoltando.

Vorrei poter tornare qui tutte le volte che sento la stanchezza impossessarsi di me.
Vorrei premere un tasto e tornare qui quando sono arrabbiata.
Vorrei tornare qui per trovare serenità quando mi sento sopraffatta.

Purtroppo la macchina del tempo non esiste (per ora...), ma se novembre continua così potrò tornarci lo stesso su questa panchina.

E quindi ben vengano i luoghi comuni: "Non ci sono più le mezze stagioni"!

lunedì 2 novembre 2015

I Sogni son Desideri?


PARURE COPRIPIUMINO CUORI & RIGHE


"La realtà è il cinque per cento della vita.
L'uomo deve sognare per salvarsi"

Walter Bonatti (alpinista)

Io sogno continuamente.

A volte mi sveglio e ricordo perfettamente ogni dettaglio.

Altre volte invece nella mente rimangono solo piccoli frammenti del sogno e tutto rimane confuso e misterioso.

A volte sono sogni bellissimi! Altre incubi spaventosi.

A volte la mia mente condiziona i miei sogni, o perlomeno li indirizza dove vuole.

E poi ci sono i sogni ad occhi aperti. 

Sono i sogni più belli, perché permettono alla nostra fantasia di andare oltre la realtà. 

Non dobbiamo confonderli con il desiderio, perché il sogno è di più.